Accesso ai servizi

Giovedì, 29 Aprile 2021

UTENZE NON DOMESTICHE TARI



UTENZE NON DOMESTICHE TARI


Ai sensi del comma 5 del dell’art. 30 del d.l. 41/2021, le utenze non domestiche possono comunicare al Comune, ENTRO IL 31 MAGGIO e per un periodo non inferiore a cinque anni, se intendano avvalersi del mercato al fine della raccolta e dello smaltimento dei RIFIUTI URBANI connessi alla propria attività, con conseguente fuoriuscita dal servizio pubblico. 

La scelta di ricorrere al mercato, fatta salva la vigente disciplina relativa ai rifiuti speciali, determina la proporzionale riduzione della componente variabile TARI in relazione alla quantità dei rifiuti urbani autonomamente conferita, quantità che deve essere comprovata e dimostrata mediante attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l’attività di recupero. Rimane invece ancora integralmente ed inderogabilmente dovuta la relativa componente fissa.

Per completezza si riportano i relativi riferimenti normativi.

L’art. 3 comma 12 del D.L.vo 116/2020, ha stabilito che “Il comma 10 dell’articolo 238 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, è sostituito dal seguente: «Le utenze non domestiche che producono rifiuti urbani di cui all’articolo 183 comma 1, lettera b-ter) punto 2, che li conferiscono al di fuori del servizio pubblico e dimostrano di averli avviati al recupero mediante attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l’attività di recupero dei rifiuti stessi sono escluse dalla corresponsione della componente tariffaria rapportata alla quantità dei rifiuti conferiti; le medesime utenze effettuano la scelta di servirsi del gestore del servizio pubblico o del ricorso al mercato per un periodo non inferiore a cinque anni, salva la possibilità per il gestore del servizio pubblico, dietro richiesta dell’utenza non domestica, di riprendere l’erogazione del servizio anche prima della scadenza quinquennale.».

L’art. 30 del decreto-legge 41/2021 (Ulteriori misure urgenti e disposizioni di proroga), al comma 5 stabilisce che per quanto riguarda la scelta delle utenze non domestiche, come prevista dal testo dell’art. 3 comma 13 del D.L.vo 116/2020 sopra riportato, dovrà essere comunicata entro il 31 maggio di ciascun anno.


Area Tematica: